Funghi della pelle

Funghi della pelle

Tempo di lettura: 2 minuti

I funghi della pelle, dette micosi cutanee, sono infezioni causate dai funghi dermatofiti normalmente presenti sulla cute e sulle mucose. Le micosi cutanee possono interessare qualunque parte del corpo (micosi inguinale, micosi sul corpo, busto, arti…) e dovrebbero essere trattate tempestivamente con prodotti specifici per evitarne la cronicizzazione e la diffusione – in particolare nelle situazioni di immunosoppressione (come HIV, tumori, trapianti e altre terapie). Perciò, è importante saperle riconoscere e prevenire

Le dermatomicosi possono presentarsi:

  • con piccole macchie bianche, aree arrossate, irritate o squamose
  • asintomatiche, per questo, se non vengono diagnosticate tempestivamente, possono cronicizzarsi ed estendersi al resto del corpo, oltre a rappresentare un fattore di contagio

Normalmente i funghi dermatofiti vivono sulla cute e sulle mucose senza causare infezioni, ma possono diventare patogeni quando si verificano alcuni fattori di rischio, come:

  • lesioni cutanee
  • cure antibiotiche
  • ipersudorazione
  • ustioni
  • alterazioni delle difese immunitarie
  • diabete mellito
  • AIDS
  • neoplasie
  • chemioterapia

I funghi responsabili dell’insorgere di micosi sulla cute, detti miceti, vengono suddivisi in 3 principali gruppi:

  1. Dermatofiti: causano le più diffuse micosi cutanee superficiali
  2. Lieviti(MalasseziaCandida e Cryptococco neoformans): provocano infezioni da candida o il cosiddetto fungo di mare
  3. Muffe(AlternariaAspergillus e Fusarium): responsabili in genere di infezioni profonde

Tipi di funghi della pelle

Dermatomicosi delle parti glabre


Questa tipologia di micosi della pelle interessa le zone cutanee senza peli.

A seconda della parte del corpo interessata, si parla di:

  • Tinea corporis. È una micosi del corpo che si presenta come un anello infiammatorio moderatamente desquamante, con qualche vescicola al tronco e agli arti. Può essere associata a rossore e prurito.
  • Tinea cruris. È un eritema desquamante che termina a margine netto coinvolgendo la piega inguinale(micosi dell’inguine) e la parte interna delle cosce. Le lesioni assumono un colore marrone. Provoca prurito intenso e bruciore.
  • Tinea pedis. Si forma tra le dita dei piedi, in particolare tra il quarto dito e il mignolo, dove si presenta con una macerazione oppure una lacerazione della pelle. Può estendersi alla pianta, ai calcagni e distribuirsi lungo il bordo del piede. Spesso è accompagnata da eritema e vescicolazione, a volte da prurito e dolore.

Dermatomicosi pilari


Queste micosi colpiscono il cuoio capelluto. In particolare, la Tinea capitis si manifesta nell’età prepubere o in quella senile con chiazze alopeciche; i capelli cadono a causa della rottura del fusto vicino al follicolo.

Dermatomicosi da lieviti


Sono micosi superficiali che colpiscono la cute, le mucose e le unghie, determinate dal genere di Candida la cui specie più comune, Candida albicans, è normalmente presente nel cavo orale (volgarmente detto “mughetto”), nell’intestino e nella vagina. Un’altra micosi superficiale da lieviti molto frequente è la Pityriasis Versicolor dovuta al lievito lipofilo Malassezia furfur, ospite saprofita della flora cutanea.

Prevenzione dai funghi della pelle

Ecco le principali norme per la prevenzione delle micosi cutanee:

  • evitare il contatto con persone infette
  • praticare una costante e corretta igiene del corpo
  • non utilizzare indumenti e oggetti da toilette altrui
  • non camminare scalzi in piscina e in ambienti pubblici caldi e umidi
  • non usare indumenti stretti e realizzati con fibre artificiali, che provocano una sudorazione eccessiva, alterano il pH della pelle e inducono la macerazione dei tessuti
  • non esporre ferite al contatto di oggetti che potrebbero essere contaminati dai miceti, perché la lesione cutanea favorisce la penetrazione dell’agente patogeno
  • mantenere un giusto peso corporeo

Dr. Umberto Ilari

Co- founder del sito: www.iconsiglideifarmacisti.it

Fonti

Leave a Reply