La pelle: l'organo più esteso del nostro corpo

La pelle: l’organo più esteso del nostro corpo

Tempo di lettura: 3 minuti

La pelle è l’organo più esteso e pesante del corpo infatti ha un peso di circa il 16% di quello dell’intero organismo.
Il suo spessore varia a seconda delle zone, in funzione al sesso e all’età mentre il colore caratteristico di ognuno di noi dipende da tre fattori: pigmenti, tipo di cute e vasi sanguigni.

Per capire quali sono le funzioni principali della pelle, e quali i fattori interni ed esterni che possono alterarla o apportare benefici dobbiamo capire come è fatta.

La struttura della pelle

La pelle è un organo dinamico che cambia costantemente ed è costituito da 3 strati con funzioni diverse.
Dall’esterno verso l’interno distinguiamo:

Epidermide

È lo strato più esterno, quello che vediamo e tocchiamo.
Nella maggior parte del corpo l’epidermide ha uno spessore di circa 0.1 mm in totale, anche se è molto più sottile intorno agli occhi (0.05 mm) e molto più spessa (fra 1 e 5 mm) sulle suole dei piedi.
È la nostra prima barriera contro aggressioni batteriche, disidratazione e contro i danni meccanici.
Non possiede una propria circolazione ma dipende dal derma sottostante.

All’interno del derma troviamo alcune cellule particolarmente interessanti come i MELANOCITI, cellule pigmentate di origine nervosa deputate alla produzione di melanina responsabile del colore della pelle e dell’abbronzatura, le cellule di LANGERHANS, preposte alla difesa dell’organismo, e le cellule di MERKEL, si trovano nelle zone di cute prive di peli e sono connesse alla sensibilità
tattile.

Derma

È lo strato intermedio, estremamente vascolarizzato e deputato al nutrimento e al sostegno.
I principali componenti strutturali del derma sono il collagene e l’elastina, tessuti connettivi, che donano forza e flessibilità, e sono i componenti fondamentali per una pelle sana e dall’aspetto giovane.
Queste fibre sono avvolte da una sostanza gelatinosa chiamata sostanza fondamentale attraverso la quale avviene lo scambio di ossigeno e sostanze nutritive.

I principali costituenti della sostanza fondamentale sono delle macromolecole chiamate glicosaminoglicani (GAG) tra le quali spicca il notissimo acido ialuronico.
La pastosità, il tono e l’elasticità ma anche il turgore della nostra pelle sono legati alla quantità di acido ialuronico presente nel tessuto connettivo del derma.

Ipoderma

Lo strato più interno della pelle, la sua struttura spugnosa sostiene e permette di ammortizzare i traumi esterni proteggendo ed isolando il corpo.
È lo stato cutaneo responsabile della forma del nostro corpo poiché la quantità di cellule adipose contenute nel sottocute differisce dalle nelle varie parti del corpo.
Nell’ipoderma hanno sede, oltre ad una rete di vasi sanguigni e fibre nervose, una parte di ghiandole sudoripare e bulbi piliferi.
Le sue funzioni principali sono dunque:

  • Riserva energetica
  • Isolamento dal freddo
  • Protezione meccanica

Funzioni della pelle

La pelle è fondamentale per la nostra salute e per la sopravvivenza, agisce infatti come barriera fra il mondo esterno e l’interno del corpo ma è anche il mezzo di comunicazione tra l’individuo e l’ambiente che lo circonda.
Essa svolge numerose e importanti funzioni:

  • protezione nei confronti di agenti biologici (funghi, virus, batteri) e di agenti fisici, chimici e meccanici. Infatti pensiamo ad una sostanza acida, potenzialmente dannosa, che entra in contatto con il nostro corpo: entrando in contatto con la pelle viene neutralizzata dal film idrolipidico e dallo strato corneo che ne impedisce il passaggio agli organi sottostanti.
  • protezione da pressione, colpi o abrasioni poiché le cellule adipose del sottocute formano una sorta di imbottitura che agisce da cuscinetto, proteggendo il tessuto muscolare e gli organi sottostanti.
  • difesa nei confronti dei raggi UV grazie alla produzione di melanina.
  • regolazione del contenuto idrico dell’organismo poiché agisce da barriera semipermeabile
  • contenimento
  • termoregolazione
  • controllo delle sensazioni: essendo dotata di numerose terminazioni sensitive, la pelle è considerata a tutti gli effetti un organo di senso. Distinguiamo sensibilità tattile, sensibilità termica e sensibilità dolorifica.
  • deposito di sangue, all’interno dei vasi cutanei si può accumulare parecchio sangue che verrà poi destinato verso altri organi in caso di necessità, di tessuto adiposo fondamentale per garantire il nutrimento energetico dell’organismo e la sua protezione, acqua e sali.
  • assorbimento

Curiosità

Lo sapevi che la pelle si rinnova ogni 20-30 giorni?
I corneociti, cellule superficiali desquamanti, vengono spinte in superficie dove si distaccano per disseccamento.

Fonti

Leave a Reply