Odore della pelle: da cosa dipende?

Odore della pelle: da cosa dipende?

Tempo di lettura: 2 minuti

Un odore corporeo eccessivo o anomalo (bromidrosi) è dovuto alla degradazione del sudore da parte di batteri e lieviti normalmente presenti sulla pelle.

La pelle di ognuno di noi ha un odore unico come l’impronta del DNA, una particolare identità olfattiva determinata dall’interazione tra il sudore prodotto dal nostro corpo e i batteri che vivono normalmente sulla pelle.

Seppur rilevabile su tutta la superficie corporea, l’odore della pelle non è distribuito in maniera omogenea: vi sono infatti delle zone del corpo in cui l’intensità dell’esalazione risulta più accentuata.

Questo accade perché il corpo umano è provvisto di due tipologie di ghiandole sudoripare, ovvero le eccrine e le apocrine.

  • Le ghiandole eccrine sono presenti su tutto il corpo e secernono sudore, un liquido inodore per lo più composto da acqua: lo scopo di queste ghiandole è mantenere la temperatura corporea nella norma, soprattutto quando siamo esposti al caldo o pratichiamo un’attività fisica ad alta intensità.
  • Le ghiandole apocrine, invece, si trovano in zone specifiche, come ascelle, inguine e genitali, e rilasciano una soluzione ad alta concentrazione di lipidi ed altre molecole che, quando entrano in contatto con i batteri che vivono sulla nostra pelle, producono odori più intensi.

Oltre all’impronta genetica che determina la quantità e la qualità delle molecole prodotte dal corpo e rilasciate dalle ghiandole apocrine, ci sono anche altri fattori che determinano il nostro odore. Nello specifico sono da annoverare:

  • l’alimentazione, soprattutto qualora preveda il consumo di cibi speziati o piccanti;
  • ansia e nervosismo, condizioni che aumentano i livelli di ormoni dello stress, responsabili, tra gli altri, dell’innalzamento della temperatura corporea e del conseguente aumento della sudorazione;
  • l’assunzione di alcuni tipi di farmaci, come per esempio gli antidepressivi;
  • alcune condizioni mediche: un odore dolciastro potrebbe essere segno di diabete, mentre un odore acre, simile alla candeggina, potrebbe indicare malattie epatiche o renali.

Dr. Sergio Scala

www.iconsiglideifarmacisti.it

Fonti

1. Nakano M, Miwa N, Hirano A, et al: A strong association of axillary osmidrosis with the wet earwax type determined by genotyping of the ABCC11 gene. BMC Genetics 10:42, 2009. doi: 10.1186/1471-2156-10-42.

Leave a Reply