La tiroide: una ghiandola essenziale

La tiroide: una ghiandola essenziale per la vita

Tempo di lettura: 2 minuti

La tiroide è una ghiandola situata al di sotto del pomo di Adamo, la cui forma richiama quella di una farfalla oppure di uno scudo, come suggerisce il termine greco “thyreoeides” che significa “a forma di scudo”. Essa secerne gli ormoni tiroidei T3 (triiodotironina) e T4 (tetraiodotironina o tiroxina), implicati in generale nel metabolismo delle cellule dei tessuti nervoso, scheletrico e riproduttivo. Nello specifico, gli ormoni tiroidei svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella crescita dell’organismo, nella regolazione della temperatura corporea e nella produzione delle proteine, nella regolazione della frequenza cardiaca e del consumo di ossigeno, nella funzionalità intestinale. Infine, la tiroide produce anche l’ormone Calcitonina, che è fondamentale per l’assorbimento della vitamina D e, quindi, del Calcio nelle ossa.

Come funziona

Per svolgere la sua normale funzione, la tiroide ha bisogno di un costante e adeguato apporto di Iodio, un elemento che deve essere introdotto con la dieta e che risulta essere determinante nello sviluppo delle malattie tiroidee. In questo modo, la ghiandola utilizza lo Iodio per sintetizzare i suoi ormoni e generare delle riserve di T3 e T4. Affinché la tiroide riesca a produrre gli ormoni a partire dallo Iodio, essa deve rispondere correttamente agli stimoli provenienti da un’altra importante ghiandola del nostro organismo, che è l’Ipofisi. Questa si trova a livello del Sistema Nervoso Centrale attaccata all’Ipotalamo, una struttura importantissima che regola la sua attività e che permette la produzione degli ormoni tiroidei.

Patologie tiroidee: Ipertiroidismo e Ipotiroidismo

I disturbi principali associati alla tiroide sono causati da una disfunzione nella produzione degli ormoni tiroidei o dalla presenza di tumori della ghiandola, benigni o maligni. Le origini dell’ipertiroidismo e dell’ipotiroidismo, quindi, possono essere genetiche o derivanti da uno scarso apporto di Iodio. Con l’avanzare dell’età, inoltre, aumenta il rischio di contrarre tali patologie e diventa difficile diagnosticarle in maniera tempestiva, dal momento che i sintomi spesso sono comuni a tante altre condizioni.

L’ ipertiroidismo o “tireotossicosi” si manifesta quando la tiroide produce una quantità eccessiva di ormoni tiroidei, ed è causato spesso da una malattia autoimmune che si chiama “Morbo di Basedow-Graves”. I sintomi più diffusi sono nervosismo, ansia, iperattività, dimagrimento e tachicardia, oltre che il cosiddetto “esoftalmo” ossia la protrusione dei bulbi oculari. L’ipertiroidismo è anche una delle conseguenze più frequenti del diabete mellito. In base alla gravità della malattia e al soggetto colpito, l’ipertiroidismo si può curare con farmaci appositi anti-tiroidei o anche con alcuni farmaci anti-ipertensivi, oppure con l’asportazione chirurgica della ghiandola o tramite l’assunzione di Iodio radioattivo.

L’ipotiroidismo si manifesta quando la tiroide produce una quantità insufficiente di ormoni tiroidei e colpisce soprattutto il sesso femminile. Le cause principali sono correlate a una carenza di Iodio o a disturbi dell’ipotalamo. Inizialmente, questa patologia non si manifesta in modo evidente ma, a lungo andare e se non trattata, può favorire l’insorgere di obesità, malattie cardiache, dolori articolari e infertilità. La patologia si chiama anche “mixedema”, a rappresentare l’insorgere di un edema generalizzato che conferisce un tipico aspetto paffuto. Nelle donne in gravidanza, poi, può colpire il feto, provocando ritardo nello sviluppo psico-fisico e favorendo l’insorgere di nanismo. La terapia standard dell’ipotiroidismo consiste nella somministrazione di Levotiroxina, un ormone sintetico che mima gli effetti dell’ormone T4.

Sia nell’ipertiroidismo che nell’ipotiroidismo può manifestarsi il famoso “gozzo”, dovuto a un ingrossamento della ghiandola o alla presenza di noduli tiroidei.

Veronica Centorame

Ig: curio_farma

www.iconsiglideifarmacisti.it

Fonti

https://www.issalute.it/index.php/la-salute-dalla-a-alla-z-menu/m/malattie-della-tiroide#terapia

https://www.epicentro.iss.it/tiroide/

https://www.msdmanuals.com/it-it/casa/disturbi-ormonali-e-metabolici/disturbi-della-tiroide/panoramica-sulla-tiroide

Leave a Reply