Olio evo

Le proprietà dell’olio evo

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’insalata, sul pane o come condimento per carni e pesci, l’olio evo (extravergine d’oliva) è alla base della dieta mediterranea.
Secondo gli esperti è migliore rispetto agli altri oli grazie al tipo di grassi contenuti e alla presenza di polifenoli.

Produzione

L’ olio extravergine d’oliva (EVO) viene ottenuto con la sola spremitura delle olive sane e unicamente mediante procedimenti meccanici (Reg. CE1019-2002), senza l’aggiunta di additivi chimici, della pianta Olea Europea Leccino (meglio conosciuta come ulivo). Le varie fasi di lavorazione non devono incidere sulla qualità dell’olio, che, a prodotto finito, deve risultare integro e con un’acidità pari o inferiore allo 0,8%.

Composizione chimica

È possibile distinguere la composizione dell’olio d’oliva in 2 frazioni: la frazione saponificabile e quella insaponificabile. La porzione saponificabile costituisce il 99%, è composta principalmente da acidi grassi saturi e insaturi e ne determina le qualità chimico-fisiche e l’uso dell’olio in cucina. La porzione insaponificabile è costituita da micro-molecole essenziali, quali vitamine, beta-carotene, polifenoli, fitosteroli e antiossidanti.

Proprietà

Nonostante gran parte delle evidenze attualmente documentate si riferiscano a modelli in vitro o sperimentali, le indicazioni sull’efficacia clinica dell’EVO sono particolarmente interessanti. È utile ricordare che pur rappresentando un ottimo alleato della dieta, non può essere utilizzato in libertà: 10 grammi di olio EVO (un cucchiaio) apportano circa 90kcal (il triplo delle calorie fornite da un contorno come un piatto di insalata o zucchine lesse).

Evo e colesterolo

Una delle proprietà dell’olio EVO è quella di proteggere le nostre arterie, regolando i livelli di colesterolo nel sangue. Livelli elevati di colesterolo LDL, chiamato anche “cattivo”, sono infatti una causa della formazione delle placche aterosclerotiche, ossia restringimenti di vene ed arterie che alla lunga possono causare infarti ed ictus.
Con l’extravergine d’oliva i livelli di colesterolo cattivo si abbassano, grazie ai polifenoli con proprietà antiossidanti, e i livelli di quello buono invece, noto anche con il nome di HDL, non vengono minimamente alterati.
In uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Bordeaux e pubblicato sulla rivista Neurology nel 2011, si è notata una riduzione di ictus del 40% in coloro che facevano uso regolare di olio extravergine d’oliva.

Evo e antiossidanti

L’extravergine è una miniera di antiossidanti tra cui la vitamina E o tocoferolo e diversi composti fenolici, tutte molecole in grado di difendere il nostro corpo dall’invecchiamento precoce attraverso la lotta ai radicali liberi. L’azione antiossidante risulta importante in ambito neurologico (Alzheimer) e cardiovascolare.

Evo e apparato gastro-enterico

L’olio EVO aumenta la secrezione di enzimi digestivi e riduce la produzione di acido gastrico garantendo un’azione preventiva e curativa delle ulcere gastriche e duodenali. Ha proprietà lassative e svolge un’azione disintossicante sul fegato.

Evo e cosmetica

Le proprietà cosmetiche dell’extravergine sono conosciute fin dall’antichità. È un eccellente anti-age grazie al suo potere antiossidante ed è adatto ad ogni tipo di pelle. Ha un effetto emolliente e lenitivo, utile in caso di irritazioni cutanee, anche sulle pelli delicate dei bambini. Lo ritroviamo in diverse formulazioni cosmetiche per corpo, viso e capelli, grazie alle sue proprietà altamente nutrienti.

Dott.ssa Sabrina Minò

Ig. sabrina.vita.da.farmacista

Vedi anche: Foglie di Olivo: i benefici

Fonti

  • www.fondazioneveronesi.it

Leave a Reply